Accoltellato nel cuore della movida, in manette 39enne

polizia

LECCE- Nella tarda serata di ieri gli operatori delle Volanti della Questura di Lecce hanno tratto in arresto COSTANTINI Giuliano di anni 39 incensurato, resosi responsabile del ferimento di un venditore ambulante, E.A. di anni 47 cittadino italiano.
I fatti: alle ore 21.00 di ieri 21 luglio la Sala Operativa della Questura ha inviato presso il BAR “Caffè del Corso” in via Libertini gli uomini della Squadra Volanti dove era stato segnalato il ferimento di un commerciante.

In particolare, giunti sul posto, gli agenti hanno appreso che il malcapitato insieme al fratello, mentre erano all’interno è stato  raggiunto da Giuliano COSTANTINI che, dopo aver fatto delle richieste estorsive al commerciante (che, tra l’altro costantini_giulianoerano già incominciate nei precedenti giorni), alla reazione dello stesso ha avuto  per tutta risposta inferto un fendente al fianco del rivale. Ne è nata, quindi, una breve colluttazione che ha coinvolto, fortunatamente senza alcuna conseguenza, anche altri avventori dell’esercizio; successivamente l’aggressore si è dileguato tra le vie affollate del centro lasciando il commerciante aggredito riverso sul marciapiede antistante il BAR.

Gli uomini delle Volanti hanno dato  immediatamente il via alle indagini che si sono concluse nel volgere di poco tempo, in quanto il COSTANTINI, forse avendo realizzato la gravità del gesto commesso e nel tentativo di depistare gli investigatori, si è presentato  spontaneamente in Questura per ivi denunciare una subita aggressione; gli operatori hanno notato immediatamente che le fattezze del denunciante corrispondevano perfettamente alle descrizioni dell’aggressore fornite dal ferito come anche da tutti gli altri soggetti presenti al momento dei fatti, cosicché ,dopo gli opportuni approfondimenti e di concerto con l’A.G., hanno tratto in arresto il COSTANTINI con l’accusa di tentato omicidio e proceduto alla sua traduzione presso la casa circondariale di Borgo San Nicola.