Morte naufrago, l’autopsia: “Deceduto per annegamento”

yacht-naufragio2

BRINDISI- Nel pomeriggio è stata eseguita l’autopsia sul corpo di Alessandro Colangeli, lo skipper dello yacht incagliatosi mercoledì sulla diga di Punta Riso. Stando all’esito, sarebbe morto  per asfissia da annegamento.

Il 59enne, originario di Stimigliano di Rieti, è rimasto in balia delle onde per più di un’ora prima di essere consegnato al personale del 118 che non ha potuto far altro che costatarne il decesso.