Morte naufrago, si indaga per omicidio colposo

yacht-naufragio2

BRINDISI- Omicidio Colposo. È questa l’ipotesi di reato su cui indaga la procura di Brindisi in seguito alla tragedia di mercoledì mattina a Punta Riso. Saranno gli inquirenti, coordinati dal pubblico ministero titolare del fascicolo Antonio Costantini, a chiarire se e cosa non ha funzionato durante le operazioni di soccorso dello skipper Alessandro Colangeli, il 59enne di Rieti morto in seguito al drammatico schianto tra lo yacht Sale & Pepe e la diga della Sciaia.

Resta certo che ad originare la tragedia sia stata un’avaria del motore dell’imbarcazione e le difficili condizioni del mare. Che, piuttosto, ci siano delle responsabilità da parte dei soccorritori, resta tutto da dimostrare.

Secondo quanto ricostruito, il 59enne avrebbe esitato troppo prima di gettarsi in mare, come fatto dagli altri due membri dell’equipaggio. Un rumeno e un moldavo, raggiunti velocemente dalle moto ad acqua. Se la caveranno con qualche lieve ferita e tanta paura. Per Colangeli, invece, quei minuti di esitazione si sono rivelati fatali. I soccorsi hanno faticato a raggiungere l’uomo, nel bel mezzo del mare in burrasca.

Una volta riportato a riva, le condizioni dello skipper sono apparse subito disperate. E a nulla è valsa la corsa presso l’ospedale Perrino: un arresto cardiaco ha fermato il suo cuore prima dell’arrivo al nosocomio. A margine, va registrato il fenomeno dello sciacallaggio.

Lo yacht sale & Pepe, durante la notte, è stato depredato. In particolare, è stato rubato, ma poi prontamente recuperato dalla polizia, il motore di un acquascooter in dote all’imbarcazione. Il motore, dal valore di circa 5mila euro, e’ stato rinvenuto dagli agenti della sezione Volanti intorno alle 8 di mattina, alle spalle del campo di calcio di via Della Torretta, nel rione Paradiso. Lasciato lì per poi, evidentemente, essere recuperato. Sarebbero comunque diversi gli oggetti rubati dallo yacht. Imbarcazione costosa, dotata di tutti i comfort. Molti, riversati nelle acque a mo di monito per gli altri naviganti.