Alloggi popolari in cambio di denaro, al setaccio lo Iacp

QuattroStelle

LECCE- Somme di denaro in cambio di alloggi popolari, in barba a qualsiasi tipo di graduatoria. Appartamenti dello Iacp nelle zone 167 A e B di Lecce non assegnati secondo legge, ma come dire, “venduti” in cambio di denaro a soggetti che non ne avrebbero avuto alcun diritto. Accuse pesanti che in questi giorni cadono come un macigno sulle persone, e non sono poche, finite nel mirino delle indagini del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Lecce e coordinate dal procuratore aggiunto Antonio De Donno.

Indagini che ora stanno arrivando al capolinea dal momento che in quest’ ultime ore pattuglie di finanzieri hanno raggiunto uffici e abitazioni di indagati, soggetti per i quali si ipotizza a vario titolo l’accusa di corruzione e abuso d’ufficio.

La maggior parte impiegati dello Iacp, l’istituto autonomo case popolari, che gestisce gran parte degli immobili.

I finanzieri sono a caccia delle prove, documenti cartacei e non, che attesterebbero questo scambio illecito di favori non da poco: l’occupazione abusiva di appartamenti lasciati liberi ad esempio da persone defunte. Soggetti quindi, che per la loro posizione , avrebbero avuto un quadro chiarissimo della situazione, conoscendo perfettamente la disposizione degli appartamenti e dei relativi occupanti. Gli stessi che si sarebbero successivamente occupati, naturalmente in cambio di denaro, di regolarizzare la posizione degli abusivi.

Il tutto con escamotage diversi: per compiere un balzo in avanti in graduatoria bastava camuffare la dichiarazione dei redditi necessaria per la domanda e quindi dichiarare somme irrisorie.

Un’inchiesta che va avanti da diversi mesi, nata sulla scorta di una serie di esposti arrivati in procura e sulla quale pm e finanza hanno deciso di vederci chiaro. Decine le famiglie che avrebbero beneficiato illecitamente degli alloggi, scavalcando di fatto gli aventi diritto, in coda ormai da anni ed anni.

Mariella Costantini

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*