Bocciato in Consiglio di Stato l’appalto dell’Asl all’Università

TAR di Lecce

LECCE- Dopo l’annullamento dell’affidamento dalla Asl all’Università del progetto del nuovo Vito Fazzi, il Consiglio di Stato boccia anche quello relativo alla verifica di vulnerabilità sismica di tutti gli edifici ospedalieri. La decisione conferma quella del TAR di Lecce e della Corte di Giustizia di Lussemburgo.

L’Azienda Sanitaria aveva ritenuto di poter affidare l’appalto direttamente al Dipartimento di Ingegneria dell’Università perché quella indagine –a suo dire- implicava elevate ed innovative conoscenze e rientrava quindi nel campo della ricerca scientifica, proprio del mondo accademico. A presentare ricorso era stato l’Ordine degli Ingegneri di Lecce, difeso dall’avvocato Pietro Quinto, e il Consiglio Nazionale dell’Ordine difeso dallo stesso Quinto e da Gianluigi Pellegrino. Altro ricorso veniva proposto dall’Ordine degli Architetti.

Secondo i Giudici romani, la ASL non poteva affidare l’incarico all’Università perché si era in presenza di un vero e proprio contratto con uno scambio di prestazioni tra due enti, “il tutto secondo la logica dello scambio economico suggellata dalla previsione di un corrispettivo”.