Zara dopo l’elezione a rettore: “Incontrerò i sindacati. Tornerà la pace”

vicenzo-zara

LECCE- Vincenzo Zara è il nuovo rettore dell’Ateneo salentino: netta la sua affermazione sullo sfidante rimasto in campo nella seconda elezione. Il prorettore uscente con delega alla didattica ha totalizzato 506,20 voti, pari al 69,65%), contro i 198,20 di Carducci, pari a 27,27%.

Era chiaro fin dalla mattinata di ieri che non ci sarebbe stata più storia: con il ritiro di Laudizi, dovuto al risultato deludente della prima votazione, e la successiva alleanza stretta da quest’ultimo con Zara, rimanevano pochi dubbi. Gli studenti avevano già espresso l’endorsement per il prorettore uscente.

Lo spoglio si è articolato in due momenti: prima sono stati contati i voti del personale tecnico amministrativo (Carducci e Zara hanno pareggiato), poi si è passati a voti di personale docente e studenti e non c’è stato più nulla da fare per il docente di diritto costituzionale comparato.

Alle 19,15 è scattato l’applauso: Zara ha raggiunto il quorum di 467 voti in poco tempo. Poi, il nuovo Magnifico è salito sul palco e ha pronunciato parole concilianti: “E’ tempo di dialogo e di pace per quest’ateneo: oggi è un momento importante per l’istituzione”.

C’è voglia di pacificazione e di scrivere una nuova pagina anche nei rapporti con i sindacati:“Li incontrerò presto: voglio dedicare questa prima fase all’ascolto di sindacati e studenti”.