Omicidio in piazza a S. Cesario, a un passo dalla cattura dell’assassino

2

S. CESARIO- L’identikit c’è già, così come il nome del presunto killer di Gianfranco Zuccaro, bodyguard 37enne freddato a colpi di pistola in pieno centro, domenica mattina, nella sua San Cesario.
Per gli inquirenti, che hanno esaminato meticolosamente ogni fotogramma del sistema di videosorveglianza della Pasticceria Natale, nelle cui vicinanze si è consumato il delitto, non ci sarebbero dubbi. L’autore dell’omicidio sarebbe un 40enne del posto, già noto alle forze dell’ordine. Gli investigatori sono sulle sue tracce e il suo nome è già iscritto sul registro degli indagati.
Le immagini sono chiare, così come i lineamenti del viso del presunto omicida e tutta la dinamica.

Gianfranco Zuccaro era appena uscito dal bar dove aveva fatto colazione, dopo pochi passi è stato fermato dal killer. All’inizio i due sembrano chiacchierare tranquillamente, poi l’interlocutore della vittima, all’improvviso, impugna una pistola e preme sul grilletto.
Un’esecuzione fredda e spietata, nel cuore del paese, alle 9 del mattino, alla presenza anche di diversi testimoni.
Gli uomini della scientifica hanno recuperato 3 bossoli e due ogive, tutte calibro 7,65.

Invano Zuccaro ha cercato di evitare i proiettili riparandosi dietro alla sua BMW parcheggiata a pochi metri dalla piazza.
Resta da capire il contesto in cui è maturato il delitto. Gli inquirenti non trascurano alcuna pista anche se, al momento, quella più battuta ha a che fare con la sfera lavorativa dell’uomo, bodyguard impegnato a grantire la sicurezza nei locali notturni. Ad armare la mano del killer, forse, vecchie ruggini sul lavoro.

E ai pezzi del mosaico che piano piano va a comporsi, si aggiunge un’altra tessera che, alla luce di quanto accaduto, assume un tono ancora più sinitro. Si tratta di un attentato incendiario che risale ad un anno fa circa. Ignoti appiccarono un incendio al portone dell’abitazione in Via Caduti della Libertà, che Zuccaro divideva col padre e la sorella.

Se ci siano eventuali collegamenti con l’omicidio di domenica scorsa, lo appureranno le indagini.