Soppressione Province, il Consiglio dei Ministri approva il Ddl

BRINDISI- Dopo lo stop della consulta, il Governo ci riprova. Il Consiglio dei ministri approva il disegno di legge costituzionale per l’abolizione delle province, con delle differenze rispetto a quello presentato dall’esecutivo del professore Monti. Il testo è già pronto, salvo qualche successiva modifica in attesa che la corte costituzionale pubblichi la sentenza. Cancellata, in primis, la parola accorpamento: nelle intenzioni del governo Letta c’è infatti l’eliminazione di tutte le province e la sostituzione con i collegi delle autonomie, che non avranno organi politici diretti. Niente presidente, niente giunta, niente consiglio.

Il collegio sarà semplicemente composto dai sindaci del territorio. Dunque sarebbe cancellato il voto popolare e si risparmierebbe sugli stipendi di assessori e consiglieri. In sostanza, Letta e i suoi ministri premono sull’acceleratore per impedire che nel 2014 si torni a votare nelle province attualmente commissariate, come nel caso di Brindisi e Taranto o a scadenza di mandato. Un’idea che fa storcere al naso alla delegazione pugliese dell’UPI, favorevole alle elezioni e quindi alla restituzione dei consigli provinciali nei territori che al momento ne sono sprovvisti. Intanto a Brindisi monta la polemica tra le diverse fazioni. L’ex capogruppo dell’opposizione in provincia, Nicola Ciracì punta il dito contro Massimo Ferrarese. “La Provincia di Brindisi, l’ha cancellata lui, accusa Ciracì, a causa del le proprie aspirazioni personali. Le colpe di questo disastro politico amministrativo sono evidenti, i danni sono stati tanti. Mentre nelle altre province pugliesi i Presidenti sono rimasti al loro posto a tutelare il loro territorio, noi siamo rimasti orfani per colpa di Ferrarese e della sua corte”.

Tra i difensori dell’ente provinciale ,interviene anche il movimento Sì Democrazia: “Ci siamo battuti sostenendo l’incostituzionalità della legge e la necessità che non si dovesse adottare alcun atto di sottomissione di Brindisi né a Taranto né a Lecce”, commenta Roberto Fusco. “Che si riparta eliminando ogni spreco di spesa e di poltrone, senza mortificare la storia e la cultura delle popolazioni, e senza eliminare i servizi ai cittadini”.

“Il pronunciamento della Corte Costituzionale rimette ordine ad una impostazione che, dal primo momento, avevamo considerato frettolosa, approssimativa e ragionieristica”, è il punto di vista del senatore del pd, Salvatore Tomaselli.
“Ora, di fronte a Governo e Parlamento, torna la strada maestra di una riforma costituzionale che affronti la soppressione di tutte le province all’interno di una più ampia riforma”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*