Neviano, 59enne emetteva assegni irregolari: denunciato

assegniu-irregolari

NEVIANO – Un uomo di 59 anni, R.D.P., originario di Neviano ed ivi residente è stato oggi denunciato in stato di libertà dai Carabinieri della Stazione del medesimo centro. Il D.P., imprenditore proprietario di una società di Seclì, negli ultimi mesi aveva avuto grossi problemi di liquidità a causa della crisi economica. Per aggirare tale problema ed evitare il fallimento aveva iniziato ad emettere assegni irregolari per un valore complessivo di ben € 100.000.

La truffa consisteva nell’emettere assegni aventi come beneficiaria la propria azienda ma come firmatario del titolo bancario un soggetto diverso dall’intestatario del conto corrente. Il titolo bancario così contraffatto veniva poi depositato in banca diversa da quella di deposito del conto, permettendo così al D.P. di incassare immediatamente l’80% della somma prevista non potendo l’istituto di credito immediatamente verificare la copertura e la regolarità dell’assegno.

Gli istituti bancari così truffati, localizzati tra Neviano, Galatone, Sannicola e Nardò, si rendevano conto della truffa solo allorquando rigiravano l’assegno alla banca ove era depositato il conto corrente. Immediatamente le quattro banche avevano presentato regolare denuncia querela ai Carabinieri i quali, anche sulla base delle dichiarazioni spontanee rese dal D.P., ormai schiacciato dall’evidenza degli elementi raccolti dai militari, nel tardo pomeriggio di ieri hanno ricostruito l’intera vicenda.