Resuscita AN: FLI, Io Sud e La Destra insieme alle europee

Art Hotel

LECCE    –      Per il momento, l’obiettivo più vicino sembra essere quello di costituire un cartello di sigle che comprenda Io Sud, La Destra e FLI con cui presentarsi alle prossime elezioni europee, fra meno di un anno, e soprattutto alle prossime amministrative specie a Bari.

Per un nuovo partito in cui fondersi tutti, c’è ancora tempo. Pare.

E’ con questo orizzonte più immediato, inserito nella prospettiva più ampia di ricostruire la nuova destra, che si discute all’Art Hotel, a Lecce. Un incontro organizzato dalle riviste d’area Il Borghese e La Destra italiana, un meeting che sa di ricucitura dopo la diaspora di AN, smembrata in correnti e partitini dopo essere stata fagocitata dal PDL.

Ritorno alle origini come risposta speculare a quanto sta accadendo in Forza Italia? Chi è qui, accolto dalla padrona di casa, Adriana Poli Bortone, tira dritto. Sebbene l’eco di quanto, in contemporanea, si dica dall’altra parte della città, nell’assemblea di Fratelli d’Italia, arrivi ben chiaro.

Non scende giù il fatto di essere identificati nella ‘cosa nera’, come dicono i cugini che fanno capo a Crosetto e Meloni. Si respinge al mittente anche l’accusa di essere dei ‘matusa‘, vecchi volti di una vecchia politica. Per ripartire dal territorio.

Le presenze registrate annoverano anche l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, e l’ex presidente della Regione Lazio, Francesco Storace. Si cerca di fare il salto in lungo e scavalcare il passato che ha un nome preciso, quello di Gianfranco Fini, identificato come il pirandelliano ‘uno, nessuno, centomila’. Fini che, a quanto è dato sapere, nessuno ha sentito e per cui non c’è più posto…