Tangenti, condannati a 5 anni giudice e avvocato

TARANTO  –   A un anno dall’arresto, ecco la condanna per l’ex presidente di sezione del Tribunale Civile di Taranto, Pietro Vella, e  per l’avvocato tarantino Fabrizio Scarcella. Condannati rispettivamente a 3 e a 2 anni e 2 mesi di reclusione dal giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Potenza Luigi Spina.

Giudice e avvocato sono stati riconosciuti colpevoli di concussione per induzione. Una sentenza emessa con rito abbreviato. Per loro la condanna è di pene accessorie e cioè per Vella l’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici e l’interruzione dei rapporti con la Pubblica Amministrazione; a Scarcella la sospensione dalla professione per la durata della pena.

Il magistrato ed il legale furono arrestati dai carabinieri il 14 marzo del 2012. Scarcella, secondo l’accusa, ha consegnato a Vella la somma di 2.000 €: solo la prima tranche di una tangente da 8.000 € che un benzinaio sarebbe stato costretto a pagare per ottenere una sentenza favorevole.

Altri 2.000 € furono trovati a casa di Scarcella; il benzinaio finse di sottostare alla richiesta di denaro, informando invece i carabinieri, e facendo così scattare l’inchiesta della Procura della Repubblica di Potenza, competente ad indagare sui magistrati di Taranto. Grazie alla collaborazione del benzinaio fu organizzato un appuntamento-trappola per la consegna dei soldi. Banconote che furono fotocopiate ed appuntamento interamente filmato. Prove schiaccianti, insomma, che nel giro di poche ore portarono ai due arresti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*