Vertice sulla CIG, ennesima fumata nera. Del miliardo non c’è traccia

Leo Caroli

BARI   –    E’ buio come e più di prima il futuro dei lavoratori pugliesi in cassintegrazione. La riunione tenuta a Roma, l’ennesima, è stata ancora una volta una fumata nera. La discussione con il governo centrale è stata bollata come deludente dall’assessore regionale al Lavoro Leo Caroli.

Del miliardo annunciato qualche settimana fa dal governo centrale, non c’è ancora traccia nella realtà. Non c’è e non si sa nemmeno quando ci sarà Caroli non lascia spazio alla speranza. “Potrebbero volerci mesi prima che il Ministero dell’Economia metta a disposizione dell’INPS le somme necessarie”.

Mesi. E’ questa la parola che atterrisce chi quei soldi li aspetta da ottobre del 2012.

“Ancora una volta – ha fatto sapere l’assessore regionale – si tornerà  al tavolo con le parti sociali senza sapere quale sarà il futuro di questi strumenti con enormi incertezze sul futuro e, ancora una volta, dovremo chiedere alle parti sociali di assumere su di sè responsabilità che non gli appartengono. Ancora una volta la Regione sarà lasciata sola a confrontarsi con coloro che più di tutti sentono il peso della crisi, senza che le vengano garantiti gli strumenti minimi per dare risposte. Continueremo – conclude – a chiedere al governo di trovare le risorse necessarie e di assicurare non solo la chiusura dei pagamenti 2012, ma anche un quadro certo di risorse per i mesi e gli anni futuri. In caso contrario, la Puglia è pronta a restituire al governo nazionale la responsabilità che le è stata delegata di gestire gli ammortizzatori in deroga, affinchè le responsabilità politiche siano chiare e definite”.

Come chiaro e definito i lavoratori in cassintegrazione, sperano che sia il loro futuro.