Strada Regionale 8, Stefàno: “Più stretta la via e largo al turismo”

Ezio Stefàno

TARANTO  –  Lavori iniziati, interrotti, ripresi, di nuovo lasciati e sempre travolti da un vortice di polemiche, proteste e disaccordi. È la storia infinita della Strada Regionale 8, la cosiddetta Taranto-Avetrana.

La strada che ha scombussolato il mondo delle associazioni ma forse, anche le istituzioni stesse fin dal giorno in cui è stata pensata.

Nessuno nega però l’importanza strategica dell’itinerario Taranto-tangenziale sud-Talsano-Avetrana.

Un progetto, insomma, tanto milionario quanto discusso. Le maggiori tensioni riguardano gli effetti collaterali del progetto in tema di tutela ambientale e paesaggistica. L’idea iniziale, infatti, era quella di una strada larga 20 metri.

Una misura che avrebbe deturpato le bellezze della fetta di Salento interessata, a discapito di ambiente e turismo. Ma gli enti locali, questa volta si spera, hanno aperto gli occhi.