Militare tarantino condannato per diserzione, pena 22.000 €

tribunale

TARANTO  –  Ha finto di essere malato ed ha presentato tanto di certificato firmato dal medico. È così che è finito nei guai un militare tarantino accusato di diserzione e di truffa aggravata. Ad essere condannato è stato un 33enne tarantino che in un anno e mezzo di servizio militare ha presentato falsi certificati di malattia per quasi un anno (348 giorni per la precisione).

Il militare oltre alla condanna penale che gli ha fatto perdere la divisa, è stato anche riconosciuto colpevole di truffa aggravata per avere regolarmente intascato lo stipendio da finto ammalato.

Per quest’ultimo reato è intervenuta la Corte dei Conti della Puglia che lo ha condannato alla restituzione dell’importo netto degli emolumenti ricevuti pari a 22.203 €. A segnalare la truffa alla giustizia contabile è stato il Tribunale Militare della Repubblica di Napoli (città in cui faceva servizio il militare).

Il sostituto procuratore ha comunicato, infatti,  alla Corte dei Conti giurisdizionale di Bari i particolari della condotta del dipendente infedele. I certificati inoltre, avevano la firma del suo medico curante di Taranto (firma però disconosciuta dallo stesso).