Picchia moglie per soldi, arrestato dopo 2 anni di violenze mai denunciate

carcere di Taranto

TARANTO  –   Picchiava minacciava e maltrattava in ogni modo sua moglie per soldi, ma l’ultima lite ha fatto venire a galla il lungo dramma che la povera donna viveva ormai da due anni. Ma silenziosamente. Non aveva mai avuto infatti il coraggio di denunciare il marito, tanto meno di farsi medicare le ferite al pronto soccorso.

È l’ennesima storia di violenza tra le mura domestiche. Questa volta successa a Grottaglie. A salvare la donna una segnalazione giunta al 112. I militari hanno raggiunto l’abitazione e la lite era ancora nel pieno. Ma sembrava un episodio a se stante, un diverbio, senz’altro acceso, tra marito e moglie.

La donna, minacciata, aveva poco prima consegnato all’uomo 300 €, ma la somma non gli era bastata. Ma poi sono arrivati i carabinieri che hanno ammanettato il 41enne, il quale ha cercato di sottrarsi all’arresto minacciando i militari. È stato necessario l’intervento di un’altra pattuglia per riportare l’uomo alla calma e condurlo in caserma.

Soltanto dopo l’arresto, la povera donna, è scoppiata in lacrime buttando fuori la verità. E cioè che non si era trattato di un singolo episodio. Ma che la violenza andava avanti ormai da 2 anni. Per il 41 enne si sono aperte le porte del carcere di Taranto. E dovrà rispondere di estorsione e maltrattamenti in famiglia, minaccia, violenza e resistenza a pubblico ufficiale.