Posti di lavoro a Londra, la truffa corre sul web

Londra

BRINDISI  –  Un lavoro con contratto a tempo indeterminato in uno dei più prestigiosi hotel di Londra. Vitto e alloggio pagati al Ritz e persino, un’ auto che ogni giorno ti accompagna sul posto di lavoro. Il tutto per 1.500 sterline al mese, circa 750 €.

Sembra una favola, invece è solo una truffa via internet che in tempi di crisi occupazionale, sta letteralmente spopolando.

E più di qualcuno, anche in Salento, c’è cascato.

Con i tempi che corrono e la disperazione della gente, sono infatti molti i giovani che ricorrono al web, crocevia di curricula e di speranze. Capita, così, di rispondere alla mail inviata dal Sain Ermin Hotel, struttura ricettizia realmente esistente nel centro della capitale inglese. Vi chiederanno di rispondere ad un questionario. Una breve ma ben dettagliata scheda, da rinviare allo stesso indirizzo mail. Quindi, a stretto giro, la sorpresa. L’hotel è interessato alla vostra professionalità e addirittura, vi manda un contratto dettagliatissimo, con tanto di intestazione e l’offerta di lavoro di cui sopra.

Trasporto, vitto e alloggio gratuiti, oltre al volo pagato per Londra e uno stipendio che supera, molte volte, le 1.500 £ sterline.

Troppo bello per essere vero, penserà qualcuno: E, in effetti, lo è.

Dopo la segnalazione di una nostra telespettatrice, abbiamo infatti chiamato prima il Consolato italiano. Poi, dopo essere stati messi sull’attenti, abbiamo contattato direttamente l’hotel in questione. Pur aiutati da un inglese zoppicante, il concetto espresso dal personale, gentilissimo, è stato chiarissimo: non cercano nessuno, assunzioni stoppate, la crisi c’è anche oltre Manica.

Piuttosto, firmando il contratto, vi impegnerete, secondo le classiche righe piccole, al pagamento trentennale di una non meglio definita assicurazione, richiesta dal fantomatico Mr. Mc Bride delle risorse umane.

Insomma, la storia è molto semplice. Va bene la crisi, ma non lasciatevi abbindolare da chi promette contratti da favola fuori dai confini italiani: Piuttosto, se il vostro sogno è lavorare a Londra, meglio recarsi sul posto, bussare ad una delle tante agenzie presenti. Cercano cuochi, camerieri, soprattutto lavapiatti. Nessuno stipendio da favola, ma così, in terra di Albione, si riesce a vivere dignitosamente. Cosa che in Italia, truffa o non truffa, non è purtroppo così scontato.