Urne aperte, si decide il nuovo sindaco a Manduria

MANDURIA (TA)  –  Si torna al voto. Da questa mattina alle 8 e sino a domani alle 15, oltre 27.000 elettori manduriani sono chiamati a decidere il nuovo sindaco. Le urne sono riaperte per il turno di ballottaggiotra Luigi Morgante (candidato sindaco della coalizione di centrodestra composta da PDL, Noi per Manduria, Movimento Schittulli, La Puglia prima di tutto) e Roberto Massafra (candidato sindaco della cordata di liste civiche Noi Centro, Lista Girardi, Manduria Futura e Proposta per Manduria).

Buona percentuale di votanti al primo turno, oltre il 73%: Morgante ha ottenuto 5.169 voti (27,09%) mentre a Massafra sono andati 4.910 voti (25,73%).

I due contendenti si ripresentano senza apparentamenti e quindi con le stesse liste d’appoggio del primo turno. Determinante, in questa fase, sarà l’affluenza alle urne. Domani alle 15 si chiuderanno le urne dei 30 seggi e inizierà lo spoglio. Vincerà chi avrà ottenuto più preferenze.

Quel che è certo, è che sarà colmato il vuoto di ben 15 mesi, da quando l’ultimo sindaco, Paolo Tommasino, si dimise perchè contrario alla gestione statale degli immigrati tunisini inviati nel comune e a Palazzo di Città si insediò il commissario straordinario Aldo Lombardo.