Melendugno, a fuoco l’auto del sindaco: “Non ho ricevuto minacce”

auto incendiata sindaco Melendugno

MELENDUGNO (LE)  –  A Melendugno è stata data alle fiamme, nella notte, l’auto del sindaco Marco Potì, parcheggiata poco lontano dalla sua abitazione in via 4 Novembre, non lontano dal centro del paese.

“Erano le 4,30 – ci ha raccontato il primo cittadino – quando alla mia porta hanno suonato il comandante dei vigili urbani. Era insieme ad un carabiniere e mi hanno avvisato di quanto stesse accadendo”.

L’auto, un’Alfa Romeo 147, era avvolta dalle fiamme. Di lì a pochi minuti sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno spento l’incendio. In casa con il sindaco c’era la moglie, in dolce attesa di una bimba.

 L’incendio di sicuro non è stato accidentale: qualcuno ha appiccato il fuoco.

“Non ho ricevuto alcun tipo di minaccia”, dice Potì.

Verrebbe da pensare ad un gesto legato ai temi caldi che in questi giorni toccano Melendugno: la realizzazione del gasdotto TAP ed i lavori per la strada regionale 8.

“Io non credo ci siano collegamenti con queste questioni, penso piuttosto – continua il sindaco – al gesto isolato di una persona disperata, magari qualcuno che mi ha chiesto un lavoro, ma al momento non mi viene in mente nessuno di preciso”.

I carabinieri sono al lavoro per chiarire la vicenda.

[portfolio_slideshow]

Foto di Giuseppe Pizzo