Pendinelli all’attacco: “Altro che Ilva e Cerano, la Provincia si occupi di TAP”

conferenza stampa in Provincia  NO TAP

LECCE  –  “Per un impianto così importante, la Provincia di Lecce ha deciso di rimanere muta. Invece, che lanciare improbabili richieste di risarcimento a carico di Enel e Ilva, si preoccupi di impedire impatti  che ancora si possono ancora scongiurare, come TAP”.

Mario Pendinelli, ex UDC e attuale capogruppo in Provincia di Patto per il Salento, non le manda a dire al presidente Gabellone, all’indomani della conferenza stampa in cui si è data notizia della nuova strategia legale affidata con incarico da 5.000 € all’avvocato Francesca Conte.

Eppure, il 10 maggio 2011, la multinazionale del gas ha depositato a Palazzo dei Celestini il documento di scoping del progetto del gasdotto che dovrebbbe arrivare a San Foca. Da allora, il silenzio. I Comuni di Melendugno e Vernole e la Regione Puglia si sono già espressi con posizioni negative. Dalla Provincia nessuna presa di posizione, nonostante questa sia da tempo una delle questioni più roventi in materia ambientale in tutto il Salento.

Nella conferenza stampa convocata a Palazzo Adorno, sono stati chiamati a raccolta i municpi, comitati e associazioni del territorio da sempre contrari alla realizzazione del mega gasdotto. E vengono a galla delle novità. In primis, l’apertura del Ministero dell’Ambiente agli operatori turistici della zona, a cui TAP aveva sbattuto la porta in faccia quando hanno chiesto accesso alla documentazione, perchè titolari di interessi generici. Per il Ministero, invece, i loro interessi sono ben meritevoli di considerazione.

E poi c’è il capitolo sovraordinato. La geopolitica internazionale che approda a San Foca, la ‘guerra del gas’, per cui da un lato questa infrastruttura sarebbe strategica per l’Italia, pertanto appoggiata dal governo, per poi lasciar emergere i dubbi sui vantaggi che l’Italia ne ricaverebbe, sacrificando in cambio il territorio. Dubbi che i comitati dissidenti rilanciano.

[portfolio_slideshow]

Foto di Antonio Castelluzzo