Guerra Servizi sociali, malore per Pennetta

Giampiero Pennetta

BRINDISI  –  Troppa agitazione, troppo (e solito) vigore nell’esporre le sue idee e le se ragioni. Soprattutto un tema, quello dell’affidamento dei Servizi sociali, piuttosto delicato. Aggiungetevi il caldo ed un quadro clinico che predicherebbe piuttosto calma e prudenza, ed il gioco è fatto.

Il malore che ha colpito il consigliere comunale del Movimento Regione Salento, Giampiero Pennetta, a Palazzo di Città lo si può spiegare, semplificandolo, così. Con i fatti poco dopo le 10, a margine di un poco amichevole faccia a faccia avuto con il sindaco di Brindisi Mimmo Consales durante una discussione avvenuta in sala giunta avente per oggetto i Servizi sociali.

Al tavolo, oltre al primo cittadino e alcuni assessori, anche una delegazione di lavoratori delle cooperative sociali, i sindacati e la presidente della Ferrante Aporti, Anna De Domizio, moglie dello stesso consigliere Pennetta.  Il background della vicenda che, da tempo, vede contrapposto il Comune di Brindisi alla Ferrante è nota. Basti ricordare, in questa sede, che la società, esclusa dalle gare per i servizi sociali, ha ottenuto dal TAR di  Lecce una sospensiva di una delibera Comunale, congelando di fatto l’affidamento alla cooperativa subentrante.

Ma anche mettendo in subbuglio le aspettative dei lavoratori e quelle dei sindacati. La situazione è comunque in divenire e, dopo il 13 giugno, spiega il Cobas Bobo Aprile, se ne saprà di più.

L’aspetto sindacale lascia, quindi, spazio alla cronaca. Durante la riunione, secondo le testimonianze raccolte piuttosto accesa, Pennetta che fa parte della Commissione sui Servizi sociali, non ha rinunciato al suo abituale ruolo di accusatore prendendo di mira proprio il sindaco.

La discussione è andata avanti per un po’, richiedendo anche l’intervento degli agenti di Polizia Municipale che hanno invitato l’ex presidente del consiglio a moderare i toni.

Pennetta è andato via sbattendo la porta e la storia sembrava potesse finire qui. E invece, nei corridoi, ecco il malore. Capace di preoccupare un po’ tutti dato che Pennetta, portatore di pacemaker, soffre di disturbi cardiaci. Il ricovero presso l’ospedale ‘Perrino’ di Brindisi è stato quindi necessario, con un ambulanza del 118 sul posto. Per il consigliere, tanta paura ma nessuna grave conseguenza.