Rapinò una gioielleria in liguria, preso brindisino

QuattroStelle

BRINDISI   –  Insieme ai suoi complici, tutti arrestati già all’epoca dei fatti, lo scorso 3 maggio aveva rapinato una gioielleria a La Spezia. Ora a distanza di quasi 30 giorni, il brindisino Nicola Sardelli, 42enne, è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale ligure eseguita però dai carabinieri del nucleo investigativo provinciale del capoluogo adriatico.

I fatti come detto risalgono ai primi di maggio quando la banda composta oltre che da Sardelli, anche da Caterina Coffa, 44 anni, Roberto Andriulo, 41enne, Maria Petrachi di 26 anni e il 30enne Alessandro Coffa, tutti di Brindisi, fece irruzione in una gioielleria nel centro di La Spezia. Qui, dopo aver legato le due proprietarie, i presunti rapinatori, dopo aver messo le mani sulla cassaforte, fuggirono via con il cospicuo bottino di 120.000 € in gioielli, oro e preziosi.

Fu una vittoria di Pirro. 4 componenti della banda, dopo pochi minuti, furono rintracciati dai carabinieri liguri che peraltro riuscirono ad acciuffare, dopo una breve fuga sui tetti terminata con una caduta e un ricovero in ospedale, la stessa Coffe, lanciatasi da un balcone con affosso alcune collane, poi recuperate.

In quell’occasione, però, i militari denunciarono anche altre 3 persone. Tra questi appunto Sardelli, ritenuto complice ma irreperibile dopo un riuscito, questo sì, tentativo di fuga.

Il 42enne si era rifuggiato quindi a Brindisi dove, dopo giorni di appostamenti e controlli, i militari sono riusciti a stanarlo, presso la sua abitazione di via Galvani.

Condotto nel carcere di via Appia, Sardelli dovrà però ora rispondere delle accuse ai pubblici ministeri liguri.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*