Sigilli alla discoteca Bahia, si indaga per abusivismo edilizio

Bahia

OTRANTO (LE)   –   Abusivismo edilizio a due passi dal mare, scattano i sigilli. Sotto la lente dei controlli del NOE, stavolta è finita una discoteca che sorge sulla provinciale che collega gli Alimini con Otrantoe che, secondo i militari del Nucleo Operativo Ecologico, diretti dal Magg. Nicola Candido, avrebbe violato vincoli paesaggistici e geologici.

Sotto sequestro preventivo d’urgenza è finito il Bahia.

I sigilli interessano per l’esattezza un’area di circa 1.800 metri quadrati, ovvero: pista da ballo, ingresso, biglietteria, coperture delle pedane destinate all’area privè e al bar, realizzate con pannelli coibentati in pvc. Sotto sequestro anche un’area scoperta, destinata anch’essa a servizio bar, delimitata con pannelli di vetro e tramezzi di legno.

Secondo gli uomini del NOE, tutte le opere sarebbero state realizzate senza i necessari permessi, in un’area demaniale marittima che tra l’altro ricade su una zona di importanza comunitaria, sottoposta a vincolo paesaggistico e geologico. Opere che, sempre secondo gli inquirenti, avrebbero in qualche modo sfregiato l’ambiente circostante.

Il legale rappresentante della società titolare della struttura, è stato segnalato alla Procura della Repubblica.

Le ipotesi di reato vanno dall’abusivismo edilizio al deturpamento di bellezze naturali.

La parola adesso passa all’Amministrazione locale per eventuali provvedimenti da adottare in merito.