Atti illegittimi in campagna elettorale, Mele denuncia in Procura

CAROVIGNO (BR)  –  Atti illegittimi in campagna elettorale, perpetrati dai membri della giunta e dai responsabili del servizio. È questa la denuncia che Mimmo Mele, candidato a sindaco a Carovigno, ha denunciato in Procura insieme al candidato al Consiglio comunale Angelo Lanzillotti.

Secondo Mele e l’ex consigliere provinciale, la campagna elettorale che ha proceduto la votazione è stata caratterizzata da una serie di atti illegittimi, posti in essere dall’Amministrazione uscente capitanata dal senatore Vittorio Zizza, volta a condizionare l’esito elettorale.

Nel documento, vengono elencati una lunga serie di atti amministrativi che la maggioranza uscente avrebbe deliberato al fine di modificare l’esito del voto. Si va dalla sistemazione del manto stradale di alcune vie nelle ore e nei giorni immediatamente precedenti al voto, fino ad 11 atti deliberativi inerenti la concessione di alcuni locali, il pagamento di contenziosi, l’illuminazione stradale e persino la programmazione di alcune assunzioni.

Tutte delibere, secondo Mele, finalizzate ad influenzare l’esito del voto.