Caso Ilva, in manette il presidente della Provincia di Taranto ed altri tre

florido

TARANTO  –  Nuovo terremoto giudiziario  si è abbattuto all alba su taranto: Il presidente della Provincia di Taranto, Giovanni Florido, è stato arrestato dalla Guardia di Finanza nell’ambito dell’inchiesta su presunti favori all’Ilva denominata ‘Ambiente svenduto’.

L’accusa è di concussione in relazione alla gestione da parte dell’Ilva della discarica Mater Gratiae.

Insieme a Florido sono stati eseguiti altri tre arresti. Si tratta dell’ex Assessore provinciale di Taranto all’Ambiente, Michele Conserva, dell’ex Dirigente dell’Ilva, Girolamo Archinà, e dell’ex Segretario della Provincia di Taranto, Vincenzo Specchia.

Quest’ultimo ha beneficiato dei domiciliari. Anche Conserva è stato trasferito in carcere mentre ad Archinà l’ordinanza di custodia cautelare è stata notificata nella stessa casa circondariale dove l’ex dirigente Ilva è detenuto da alcuni mesi. i quattro. Le ipotesi di reato contestate dalla Procura ionica nell’ambito dell’inchiesta ‘Ambiente svenduto’ vanno dalla concussione per induzione alla tentata concussione per costrizione.