Arrestato padre violento: voleva lanciare la figlioletta dal balcone

TORRICELLA (TA)  –  E’ la più terribile delle accuse: avrebbe tentato di uccidere la figlioletta di tre anni. Per questo i Carabinieri della Stazione di Torricella, Taranto, hanno notificato a Erol Jasarev, 34enne macedone, l’ordinanza di custodia cautelare in carcere

Lui è già in cella, da quando – lo scorso 14 marzo – è stato arrestato per maltrattamenti e lesioni personali nei confronti della compagna con la quale viveva: una donna di 40 anni nata in Germania.

Il motivo della furia del macedone, che si traduceva in calci, pugni e schiaffi, era che – per la sua religione – imponeva alla donna uno stile di vita rigoroso e restrittivo: lei non poteva lavorare, intrattenersi a parlare con uomini, doveva vestire in modo decoroso.

Per farla sottostare al suo volere, il compagno la offendeva e minacciava e se lei sgarrava, la riempiva di botte. Ma, grazie alle indagini, l’Autorità Giudiziaria gli ha contestato anche il tentato omicidio aggravato della figlia di tre anni dei due: l’uomo, qualche mese prima, avrebbe afferrato con forza la bimba e l’avrebbe tenuta sospesa nel vuoto, oltre la ringhiera del balcone, minacciando di lanciarla giù. Non sarebbe riuscito nell’intento, solo grazie al provvidenziale intervento della mamma.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*