Minacce a Consales, la DIGOS indaga a fari spenti

Mimmo Consales

 BRINDISI  –  A dispetto clima teso che fa da contorno al caso, nessuno ha puntato il dito contro l’altro, anche se c’è chi si inizia a muovere velatamente al fine di trovare i responsabili. Continuano a tenere banco le minacce, sporte da ignoti, al Sindaco di Brindisi Mimmo Consales, al Capo di gabinetto del Comune Angelo Roma e al Consigliere comunale Massimo Pagliara. Minacce che, più o meno esplicitamente, fanno riferimento al caos della privatizzazione della ‘Multiservizi’.

Nessuna delle tre persone coinvolte ha presentato relativa denuncia, anche dopo il confronto a toni aspri che ha visto protagonisti il consigliere Pagliara e alcuni dipendenti della ‘Multiservizi’. Nessun atto ufficiale dunque, anche se la DIGOS è vigile sulla situazione e sonda il terreno a fari spenti per trovare eventuali indizi che porterebbero all’identificazione dei mandanti degli sms intimidatori.

Il dirigente della DIGOS, il Vice Questore Vincenzo Zingaro, puntualizza: “Ci siamo solo limitati a controllare la situazione intorno al Municipio, comunque, approfondiremo per cercare di capire cosa è accaduto”.

 Le indagini ufficiose degli 007 prenderanno quindi il largo nei prossimi giorni, in attesa di eventuali segnalazioni che potrebbero indicare una pista capace di dare un nome e un volto a questi ‘messaggeri’ di minacce.