Assalto al Postamat nella notte, banditi a mani vuote

Bancomat

BRINDISI  –  Ennesimo assalto a uno sportello automatico, un altro tentativo di furto, non andato a segno, che ricalca lo stesso modus operandi di precedenti blitz operati tra la provincia di Brindisi e, più in generale, in tutto il Salento.

Questa volta, a finire nel mirino della misteriosa banda, è stato Postamat di via Mantegna del Rione Sant’Elia che rappresenta l’esordio dei criminali nel capoluogo adriatico, dopo i colpi messi a segno nei vari centri. La dinamica è semplice quanto speculare rispetto a quanto ghià registrato nell’ultimo mese.

I banditi si sono recati sul posto, intorno all’1 e 30 di notte. Hanno piazzato l’ordigno vicino al Postamat e lo hanno fatto esplodere facendo saltare in aria lo sportello e provocando dei seri danni alla filiale. Per loro sfortuna, il macchiatore è entrato in azione rendendo inutilizzabili le banconote. Ai malviventi non è così restato che fuggire a mani vuote. Sul posto i Vigili del Fuoco di Brindisi, la Scientifica del Comando provinciale dei Carabinieri e i militari dell’Arma

Chiamata a far luce sull’accaduto sarà, però, la Squadra Mobile di Brindisi coordinata dal Vice Questore Alberto Somma. Al momento, pur non escludendo alcuna pista, appare quantomeno probabile che gli autori dell’assalto siano gli stessi che, negli ultimi 30 giorni, agendo preferibilmente nel weekend e quindi a cavallo tra il venerdì e la domenica, hanno letteralmente messo a ferro e a fuoco i distributori automatici disseminati su tutto il territorio salentino. In provincia di Brindisi Pezze di Greco, Cisternino, Torre Canne , Ceglie Messapica e Torre Santa Susanna.

Nel tarantino, a Fragagnano. In provincia di Lecce, invece, a Cavallino.

Appuntamenti a cadenza settimanale, forieri di ingenti danni e di altrettanto copiosi guadagni. Tra banconote bruciate o macchiate, il danaro finito nelle tasche dei malviventi dovrebbe aggirarsi intorno ai 300.000 €.