Unioni Civili, a Uggiano La Chiesa arriva il registro

coppie di fatto

TREPUZZI (LE)  –  Non c’è solo il Comune di Trepuzzi. A riconoscere le unioni civili c’è ora anche quello di Uggiano La Chiesa che ha approvato all’unanimità l’ordine del giorno nell’ultima seduta del Consiglio comunale, convocato nelle scorse ore.

Salgono a 2,  i Comuni delle provincia in cui è stato istituito il Registro per l’iscrizione delle ‘Coppie di fatto’.

E non è escluso che queste esperienze facciano da ariete per le prossime, che già si preannunciano all’orizzonte di diversi Comuni. Di certo c’è che Trepuzzi e Uggiano La Chiesa sono stati tra i primi comuni italiani a dotarsi di una regolamentazione in tal senso, seguendo l’input arrivato dal dibattito milanese e recependo l’indirizzo legislativo europeo, che riconosce, appunto,“il legame tra due persone maggiorenni unite da vincoli affettivi che coabitano e risiedono abitualmente nel Comune”.

L’istituzione del Registro delle Unioni Civili, che avrà in realtà solo un valore simbolico, non comporta l’equiparazione al matrimonio e questo perchè lo Stato italiano non ha ancora legiferato su questa materia, nonostante la normativa internazionale lo richieda da tempo. Ciononostante, il riconoscimento consentirà di “essere equiparato a parente prossimo del soggetto con cui si è iscritto”.

In più, si specifica che il Comune, per ciò che è di propria competenza, provvede “a tutelare le Unioni Civili al fine di prevenire ed evitare situazioni discriminatorie e di disagio a favorendone al contrario l’integrazione nel contesto socio-economico del paese”.

“E’ un passo avanti sul terreno dei diritti civili e delle pari opportunità – chiosa il Sindaco Salvatore Piconese -. E’ un passaggio politico rilevante che riconosce il rapporto consolidato e di fatto, concedendogli un fondamento costituzionale”.