Al Lecce non riesce il sorpasso promozione, Toma: “Ci giocheremo tutto a Bergamo”

LECCE  –  Il Lecce perde l’occasione per scavalcare il Trapani e avere di nuovo il destino nelle proprie mani. Invece i giallorossi si fanno incartare dal Carpi, nel 1° tempo, e quando il vento soffia alle spalle della squadra salentina e contro il Trapani, Chevanton e compagni non riescono a trovare più la rotta.

La destinazione è comune sia al Lecce, sia ai siciliani. In terra lombarda il verdetto per la promozione diretta. “A Bergamo giocheremo alla morte. Daremo tutto”, è l’urlo di battaglia di Antonio Toma, Tecnico del Lecce.

Contro il Carpi, il Lecce è stato costretto a rincorrere. Sorpresa generale. Dopo 8 minuti Lecce in apnea e per veder riemergere la formazione salentina ci è voluto un rigore conquistato da Chiricò e trasformato da Chevanton.

Non esente da responsabilità la difesa del Lecce sui 2 gol subiti: su entrambe le reti la linea difensiva si fa sorprendere da giocate assai prevedibili. “Non erano queste le consegne che avevo dato: avevo detto di far girare palla e di vere pazienza”, spiega l’allenatore giallorosso.

E ha funzionato male anche il piano d’ingresso negli ultimi 20 metri. Una mediana in difficoltà contro una linea avversaria aggressiva e ben predisposta. Appena palpabile il contributo di Memushaj; da dimenticare quello di Fatic: l’asse di sinistra è stata corsia preferenziale per la squadra di Brini. “Li avevo avvisati i miei giocatori di stare attenti a Melara”, aggiunge Toma.

Lecce e Trapani domenica prossima saranno ancora più vicini, ma prenderanno strade diverse al termine degli ultimi novanta minuti della stagione regolare. A pesare in casa giallorossa sono i cinque gol di differenza tra salentini e siciliani. Una zavorra che forse costringerà la squadra di Toma ad un esame supplementare, quello dei play-off.

Per domenica prossima torneranno a disposizione Giacomazzi ed Esposito; da valutare la condizione di Di Maio, il quale però sarà squalificato come Chevanton per raggiunto limite di ammonizioni.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*