Dopo l’aggancio in vetta, il Lecce pensa al sorpasso

Antonio Toma

LECCE   In questo momento il peso maggiore che il Lecce avverte sulle proprie spalle è la differenza reti a favore del Trapani agganciato domenica scorsa in vetta alla classifica. Recuperare 5 gol a due giornate dalla fine è impresa poco probabile ma non certamente impossibile.

Ne è convinto Mister Antonio Toma che inietta fiducia allo stato puro nelle vene dei suoi ragazzi alla vigilia di una gara insidiosa e delicata come è quella con il Carpi desideroso di non mollare la presa sul 3°posto di classifica conquistato proprio nell’ultimo turno di campionato.

La squadra sta bene, la vittoria al cardiopalma ottenuta sul difficile campo del Sud Tirol ha contribuito a mettere nuova benzina nella testa e nelle gambe dei giallorossi. Non solo il Lecce ha vinto su un campo che non veniva espugnato da 15 mesi ma ha saputo sfruttare al meglio il turno approfittando del mezzo passo falso commesso dal Trapani.

Adesso le due squadre mattatrici del girone daranno vita ad un duello a distanza che si giocherà sul filo dei nervi oltre che dei risultati che arriveranno dal campo. Il Lecce prosegue con il rituale della preparazione alla partita a porte chiuse, ma lo stesso sta facendo il Trapani. Il Tecnico siciliano ha fatto sapere che si tratta di un tentativo di mantenere la concentrazione dei suoi ai massimi livelli. Il fiato sul collo il Trapani lo avverte e questa pressione potrebbe tornare utile al Lecce in questo finale di stagione.

In casa Lecce buone notizie per Mister Toma che se da un parte sarà costretto a rinunciare a Esposito e Giacomazzi fermati dal giudice sportive per un turno, dall’altra recupera per la gara con il Carpi Martinez, Memushaj e Falco. Il rientro del costaricano sarà importantissimo nell’assetto difensivo. Il Lecce ha subito soltanto un gol nelle ultime sei gare, su calcio di rigore, dato che coincide con prove altamente sopra la sufficienza del forte difensore centrale che sembra aver dato maggiore sicurezza a tutto il reparto.

Domenica i giallorossi giocheranno una partita nella partita, una al via del mare contro il Carpi l’altra a distanza contro il Trapani che ospiterà la Reggiana che sconfitta nell’ultimo turno ha visto allontanarsi la salvezza diretta.  Impegno dunque sulla carta semplice per i siciliani. Salvo un miracoloso incastro di risultati la Reggiana a questo punto deve soltanto puntare ad ottenere il miglior piazzamento possibile in vista della sfida play-out.

Spetta al Lecce la sfida sulla carta più impegnativa. Con i play-off a portata di mano, manca un punto, il Carpi è una delle formazioni più in forma del momento: 5 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta negli ultimi 7 turni di campionato.

Un trend positivo che non può incutere paura alla squadra di Toma determinata, dopo l’operazione ‘aggancio’, ad ultimare l’operazione sorpasso.