Agente penitenziario si impicca nel carcere minorile

QuattroStelle

LECCE  –  Si chiama Salvatore Ippolito, aveva 54 anni. Si è ucciso intorno alle 19 nel giardino che circonda la struttura in via Monteroni che ospita il carcere minorile di Lecce. Era un agente della Polizia Penitenziaria in servizio.

Ha appeso una corda ad un albero del giardino e si è impiccato.

Una tragedia che ha sconvolto gli ospiti e gli operatori della struttura, gli stessi che hanno ritrovato il corpo dell’uomo e che hanno fatto scattare l’allarme. All’arrivo dei soccorsi però, l’agente era già morto e per lui non c’era ormai più nulla da fare.

L’agente era in servizio, ma secondo una prima ricostruzione dei fatti, il suo gesto drammatico sarebbe legato a motivi del tutto personali, forse una forte depressione legata ad un lutto recente e non avrebbe a che fare con il suo lavoro.

Sul posto sono arrivati i colleghi dell’uomo insieme al Comandante della Polizia Penitenziaria di Lecce, il Dott.Riccardo Secci, gli uomini della Squadra Mobile che ora conducono le indagini e il Medico legale Alberto Tortorella. Sul corpo dell’uomo sarà eseguita l’autopsia nelle prossime ore.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*