Orrore a Talsano: trovato cadavere carbonizzato di donna

vigili del fuoco

TALSANO (TA)  –  Una scena spaventosa quella che si è presentata agli occhi di un contadino, poco prima delle 8 di mattina. E’ stato l’uomo a lanciare l’allarme. Lui che ha visto con i suoi occhi quella torcia umana. Una donna tra le fiamme in aperta campagna.

Siamo nella zona del cimitero di Talsano, precisamente Contrada San Donato.

Scena a dir poco agghiacciante. Dapprima l’agricoltore ha visto il rogo, ma poi ha capito che dietro il fuoco si celava qualcosa di orribile. Ha chiamato cosi immediatamente il 113 ed i Vigili del Fuoco. La Polizia ha avvertito a sua volta il 118. In pochi minuti sono arrivati gli investigatori della squadra mobile ed i soccorritori, ma per la donna non c’è stato più nulla da fare.

Spente le fiamme non ne restava che il cadavere completamente carbonizzato. Aveva 48 anni, originaria di Manduria ma residente a Pulsano, separata dal marito. E a quanto pare era pure disoccupata. Accanto al corpo, la sua auto. Una Fiat Punto vecchio tipo.

Stando alle prime informazioni, non sarebbe stato trovato alcun biglietto. Nessuna parola a preannunciare la tragedia. Anche se con tutta probabilità per gli investigatori si tratterebbe di un suicidio. Un’ipotesi comunque che ancora non esclude altre piste. Gli uomini della Mobile, in queste ore, stanno cercando di ricostruire le ultime ore di vita della donna, ascoltando le persone più a lei vicine. La 48enne, peraltro, lascia tre figli. Il maggiore avrebbe 21 anni, il più piccolo sarebbe invece ancora minorenne.

Il fatto comunque che fosse residente a Pulsano potrebbe far pensare che la donna si sia allontanata appositamente da casa, con l’intenzione di togliersi la vita, spingendosi fino a Talsano ed inoltrandosi in aperta campagna. Ma saranno le indagini a fare luce sulla terribile vicenda. A partire dal sopralluogo e dall’ispezione dell’auto  – sequestrata – fino all’ascolto delle testimonianze e all’autopsia, se il Giudice deciderà di disporla.