Accusati di resistenza a P.U., puntano il dito contro i Poliziotti

tribunale di lecce

LECCE  –   Accusati di concorso in resistenza a Pubblico Ufficiale e rifiuto d‘identificazione, tre indagati di Botrugno hanno puntato il dito contro i Poliziotti. Chiuse le indagini su Luca Piccinno, 28 anni, suo zio Flavio Piccinno, di 54 e Francesco Stragapede, tutti di Botrugno.

I tre, assistiti dall’Avvocato Sergio Santese, hanno chiesto di essere interrogati.

E davanti al PM, hanno sostenuto che in occasione del controllo subìto nel 2009, sarebbero stati loro a contattare i Carabinieri per un presunto abuso di potere subito dagli agenti.

Gli accertamenti ora sono in corso.