Usura, assoluzione per due imprenditori di Martano

Tribunale di Lecce

LECCE  –  Non sono responsabili di alcuna usura. La Corte d’Appello di Lecce ha assolto perchè il fatto non sussiste, i fratelli Turi, noti imprenditori del settore oleario di Martano. Aldo e e Maurizio Turi, rispettivamente di 59 e 62 anni erano stati condannati in 1° grado a due anni e mezzo il primo, e ad 1 anno e 7 mesi il secondo.

L’accusa di usura era stata mossa nei loro confronti sulla scorta di quanto dichiarato da un terzo imputato, Vincenzo Antonazzi, che aveva denunciato di essere stato una sorta di intermediario tra i due imprenditori e le presunte vittime.

Con i loro soldi avrebbe effettuato una serie di prestiti di denaro, pretendendone la restituzione con tassi d’interesse elevatissimi. Per lui la Corte ha confermato la condanna precedentemente inflitta ad un anno e 7 mesi, come richiesto dal Sostituto Procuratore generale Antonio Maruccia.

I fatti contestati sarebbero andati avanti per ben 7 anni, dal 2000 al 2007.

I due fratelli, assistiti dagli Avvocati Carlo Sariconi, Luigi Covella e Marco Castelluzzo, che hanno sempre respinto le accuse, avrebbero, secondo la Procura, fornito circa 60.000 € ciascuno ad Antonazzi, assistito dall’Avvocato Elio Maggio, per la presunta attività d’usura.