Torcito, depositata in Procura l’informativa della Forestale

Torcito

LECCE  –  Nuovi tasselli si aggiungono all’inchiesta sugli sbancamenti a Masseria Torcito. Oggi è stata depositata in Procura l’informativa del Corpo Forestale dello Stato. Ancora top secret i contenuti, ma l’attenzione resta puntata sulle piste forestali e la collina spianata a cui sono stati apposti i sigilli nel doppio sequestro del 19 gennaio e poi del 30.

L’area rimane sotto sequestro ma il fascicolo, in mano al Procuratore Aggiunto Ennio Cillo, si arricchisce.

Solo qualche giorno fa, infatti, anche la Guardia di Finanza ha depositato la propria informativa, che ricostruisce le ombre sull’appalto della Provincia di Lecce che ha concesso alla ‘Intini Source’, la gestione del parco di Cannole per 18 anni.

Con l’accusa di abuso edilizio e deturpamento di bellezze naturali sono indagati Sergio Donadonibus e Giuseppe Botta, rispettivamente liquidatore e direttore dei lavori, entrambi della ditta ‘Intini Source’.