Lupiae, SGM e consulenze: valzer di poltrone

Lupiae Servizi

LECCE  –   La notizia inserita fra le news del sito del Comune di Lecce non è passata inosservata, specie se interessa una partecipata di Palazzo Carafa come la Lupiae Servizi, soprattutto se vengono riaperti i termini, scaduti già da diverse settimane, per la nomina dei vertici della municipalizzata e del presidente che, secondo norma, dovrebbe essere nominato dal CdA.

Fatto sta che la partita ora si riapre per chiudersi il 30 aprile.

Le motivazioni ufficiali sono che, non essendoci donne, potrebbero piovere ricorsi. Ma al di là delle dichiarazioni dietro ci sarebbe una partita tutta politica, e sarebbe da interpretare in questo senso le assenze fra i banchi della maggioranza in Consiglio comunale. I malumori, per la scelta di riaprire i termini, in casa PDL ci sono e si vedono.

Anche perchè ora si sparigliano tutte le carte in tavola. Sembra tramontare l’ipotesi Gianmaria Greco, figlio del Consigliere Fiorino che, nei giorni scorsi, avrebbe avuto un incontro con il Sindaco.

Perrone gli avrebbe comunicato l’imbarazzo politico di una nomina di famiglia. Insomma tutto da rifare? Non proprio.

Il primo cittadino potrebbe evitare spaccature, proteste e pretese, riconfermando alla guida di Lupiae, Giuseppe Tamborrino che, peraltro, ha presentato domanda. Ma questa non è la sola novità a Palazzo. Rientra dalla finestra Walter Liaci, Consigliere comunale non riconfermato alle ultime amministrative. Il Sindaco lo ha nominato, senza alcun compenso, consulente nel settore Polizia Municipale.

La partita delle poltrone non finisce qui. A maggio scadrà il CdA della SGM, altra partecipata di Palazzo Carafa. Per una di queste poltrone spingerebbe un altro pretendente che non ce l’ha fatta alle scorse comunali, Gianni Peyla.

Insomma, la carica dei nomi della saga “a volte ritornano”.