Assicuratore di Nardò a processo per usura

tribunale lecce

LECCE  –   Avrebbe costretto la sua presunta vittima a mettere in scena un incidente stradale per pagare i debiti con i soldi dell’assicurazione. E’ stato rinviato a giudizio, con l’accusa di usura un assicuratore di Nardò, Giuseppe Calignano, assistito dagli Avvocati  Lucio Calabrese e Giuseppe Bonsegna. Circa 20.000 € avrebbe prestato ad un agente di commercio del posto, pretendendone poi la restituzione a tassi elevatissimi, che avrebbero raggiunto, il 324% annuo. I fatti si sarebbero verificati a cavallo tra la fine del 2008 e il 2009.

Le indagini, condotte dal Sostituto Procuratore Giuseppe Capoccia, avrebbero accertato 2 distinti prestiti. Il primo, da 4.000 €, risale all’ottobre del 2008. Il secondo, da 7.000 €  nel gennaio del 2009. Nel tempo, la presunta vittima, stretta nella morsa del presunto strozzino, avrebbe accumulato debiti per 9.000 e 600 €. Ecco che lui gli avrebbe proposto di prestarsi per un finto incidente, in modo da incassare il denaro necessario per pagare i tassi usurari.

L’udienza preliminare si è svolta davanti al Giudice, Cinzia Vergine, che ha rinviato l’imputato a giudizio. La presunta vittima si è costituita parte civile con l’Avvocato Giovanni Colomba.

Il processo si aprirà il prossimo 10 luglio davanti alla I sezione collegiale del Tribunale di Lecce.