Assalto al bancomat, via con 27.000 € di inchiostro

carabinieri

TORRE CANNE  (BR)   –    Prima hanno cercato di sradicare il bancomat dal muro utilizzando un piede di porco. Poi, fallito il primo tentativo, si sono introdotti in una abitazione adiacente allo sportello automatico, hanno spaccato il muro intorno e sono fuggiti via.

Con 27.000 € in banconote rese, però, inutilizzabili dall’inchiostro blu del sistema di sicurezza.

Qualche secondo prima che l’intero muro su cui il macchinario era installato crollasse giù con un fragoroso boato. Colpo grosso, almeno sulla carta, per i misteriosi ladri che, nella notte, hanno preso d’assalto lo sportello automatico della banca di Credito Cooperativo di Locorotondo sita in via del Faro a Torre Canne, marina di Fasano.

I fatti, introno alle 4, quando i malviventi, 3 o 4 secondo una prima ricostruzione dei fatti, hanno raggiunto il posto e, con un pizzico di ingegno e tanta voglia di delinquere, sono riusciti alla fine di una più o meno lunga operazione, a forzare lo sportello e mettere le mani sulle banconote.

Quasi 30.000 € in contanti trafugati ma, allo stesso tempo, inutilizzabili. Il sistema di sicurezza è infatti entrato in funzione, macchiando in maniera indelebile l’intero bottino con inchiostro blu. Di più. Il muro dove il bancomat era incorniciato è interamente crollato, portando sulla strada i residenti della zona, spaventati da un rumore che sembrava essere quello provocato da una forte esplosione.

Sul posto, con i banditi già uccel di bosco, una pattuglia della vigilanza e i militari della Compagnia dei Carabinieri di Fasano che, coordinati dal Capitano Gianluca Sirsi, hanno già acquisito le immagini registrate da una telecamera di videosorveglianza installata proprio a ridosso della filiale.

Oltre alla ricostruzione della dinamica, è stata immortalata anche la fuga dei ladri, scappati via a bordo di quella che sembrerebbe essere un’Audi station wagon. Abbastanza per alimentare nuove paure e leggende su una nuova banda che, come le precedenti, sempre a bordo di vetture della casa automobilistica tedesca, possa mettere a ferro e fuoco il territorio fasanese.