Lecce, Di Maio: “I play off? Un inferno. Ora contano solo i punti”

Di Maio

LECCE   –   I 2 punti che distanziano Trapani e Lecce sono sufficienti per tenere ancora acceso, in casa giallorossa, il sogno della promozione diretta. La squadra allenata da Toma sembra aver finalmente compreso il modo per affrontare questo campionato. Meglio tardi che mai e il risultato ottenuto contro il Pavia sembra esserne la dimostrazione.

“Metterei la firma per vincerle tutte soffrendo come contro il Pavia”, ha detto Di Maio, difensore giallorosso.

I giallorossi cominciano anche ad entrare nella prospettiva dei play-off: le due settimane precedenti sono state utili anche per mettere tanta energia nelle gambe in vista di una ‘coda’ di campionato che potrebbe essere incandescente. “Non voglio pensarci, è un inferno: Io ho ho fatto sia i play-off, sia i play-out”, precisa Di Maio.

Se l’attacco, dopo la goleada contro il Lumezzane, ha segnato solo un gol in due partite, la difesa è imbattuta da tre giornate. Non era mai accaduto in questa stagione. “Abbiamo più consapevolezza nei nostri mezzi – aggiunge Di Maio –  ma anche più equilibrio”.

L’ex difensore della Nocerina è convinto, però, che l’uomo in più in questo finale di stagione sarà Salvatore Foti. “Spero possa darci il contributo che ci è mancato in questi tre mesi”, dice ancora l’ex difensore della Nocerina.

Da valutare la condizione di Javier Chevanton: l’attaccante giallorosso ha accusato una dolenzia muscolare, mentre per Giacomazzi è sempre più probabile l’esclusione per il problema ad un adduttore.

Di Maio rende merito alla capolista sebbene i giochi per la promozione diretta sono tutt’altro che chiusi. “Il Trapani non è spettacolare, ma ha il giusto cinismo e ha giocatori che sono insieme da diverse stagioni”, l’analisi di Di Maio.