“Bancarotta fraudolenta Pane e Cioccolata”, condanne per 16 anni

toghe

LECCE   –    Sono stati condannati complessivamente a 16 anni, i 4 imputati coinvolti nella presunta bancarotta fraudolenta della società ‘Pane e Cioccolata’. Un processo nato dopo il fallimento della stessa che risale al 2004. 4 anni di reclusione, ciascuno, sono stati inflittia Gianluca Musarò, 38enne originario di Galatina; Egidio Zaccaria, 60 anni, di Taranto, Franco Josè Paradiso, 39 anni, – originario di Valencia e dichiarato irreperibile – e Luigi Musarò, 75enne, originario di Surano.

Secondo l’ipotesi accusatoria i quattro, che nel corso del tempo si sono succeduti come amministratori della società, avrebbero seppur con ruoli differenti occultato i libri e le scritture contabili della società o, comunque, li avrebbero tenuti in modo tale da non rendere possibile la ricostruzione del movimento degli affari della società.