Il dolore e la vergogna: escrementi sulle lapidi

QuattroStelle

LECCE  –    Escrementi di piccione alti 5 centimetri e  la caduta di calcinacci che mettono in pericolo l’incolumità delle persone. E non siamo in un posto pubblico qualsiasi, ma in un luogo di dolore e preghiera: il Cimitero di Lecce. La denuncia della situazione arriva da una telespettatriceche ci ha scritto a dilloatelerama@gmail.com e alla lettera allega queste foto, in cui è evidente lo scempio che i piccioni fanno delle lapidi.

caduta di calcinacci

E poi, ci scrive: “Il soffitto rischia di crollarci addosso, mentre semplicemente cambiamo l’acqua dei fiori ai nostri cari defunti. (L’affitto dei loculi tra l’altro è stato prontamente e regolarmente pagato da noi al Comune e mi domando per avere quale servizio? Un posto sporco e indecente? E’ una vergogna). Il Cimitero rappresenta di per sè un luogo di dolore. Ho perso mio padre da poco  –  scrive Roberta  – e credetemi non sopporto di vedere quotidianamente i fiori sporchi di escrementi, vi prego di mettervi una mano sul cuore. Per chi di competenza sarebbe un intervento veloce ma darebbe un po’ di serenità a noi parenti”.

Per quanto riguarda i calcinacci, stando alla testimonianza della telespettatrice, spesso capita che le zone interessate dal cedimento strutturale vengano poi delimitate da un nastro per impedire l’accesso ai pedoni e preservarne l’incolumità, ma pare che poi, puntualmente dopo un paio di giorni, il nastro venga rimosso e, almeno apparentemente, nulla cambi e i lavori di messa in sicurezza non vengano eseguiti. Noi raccogliamo e rilanciamo l’appello di Roberta, che chiude la sua e-mail così:

“Inutili le decine di segnalazioni all’ufficio competente e al Sindaco Perrone. Sebbene credetemi avessi voglia di raccogliere con le mie mani un bel pò di quegli escrementi per posarlo poi sulla scrivania dei nostri Assessori, visto che probabilmente sottovalutano il problema, con questo messaggio spero  di cogliere l’attenzione di chi si occupa di queste problematiche”.

 

 

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*