Petrolchimico, a rischio 17 posti di lavoro

Petrolchimico

BRINDISI   –     Rischiano di perdere il posto di lavoro 17 operai del Petrolchimico di Brindisi, finora alle dipendenze della Rendelin, azienda che 5 anni fa aveva ottenuto alcune commesse nello stabilimento brindisino. Secondo quanto appreso dal sindacato UILM, la Eni-Versalisavrebbe rescisso unilateralmente e prima della scadenza naturale il contratto con la Rendelin, affidando l’appalto alla ditta Donelli srl, vincitrice della gara.

Un avvicendamento che, a partire dal 1° aprile, lascerebbe fuori i 17 lavoratori dal momento che l’azienda subentrata non ha la necessità di assorbire i dipendenti fuoriusciti.

Da qui la protesta all’esterno del Petrolchimico.

“Versalis – precisa Zaurito non ritiene opportuno incontrare le organizzazioni sindacali metalmeccaniche per esternare quali siano state le motivazioni che l’hanno spinta ad un gesto così estremo che mette a repentaglio la sussistenza di 17 famiglie. Se la situazione non dovesse sbloccarsi neppure con l’intervento di Confindustria, la protesta andrà avanti”.