Ricerche degli scomparsi, si indaga sulla telefonata anonima

Luca Greco - Massimiliano Marino

LECCE  –   Una chiamata anonima al 112 in piena attività di ricerca e le pattuglie dei Carabinieri insieme all’elicottero giunto da Bari si concentrano in zona: l’area indicata è Surbo, nei pressi del Cimitero.

“In una vasca di decantazione ci sono due cadaveri”.

La voce di un uomo adulto, senza accento, apparentemente, è stata molto precisa: la vasca di decantazione è quella che si trova proseguendo su via Benedetto Croce, dopo il Cimitero sulla sinistra.

Un evidente depistaggio, secondo gli inquirenti, da parte di qualcuno che sa e che ha voluto far si che il grande spiegamento di forze si concentrasse su un punto sbagliato. Così come è stato un depistaggio, sempre secondo i Carabinieri, far trovare la Lancia Lybra incenerita in quelle campagne tra Campi e San Donaci, sicuramente lontano da dove sarebbe avvenuto il presunto omicidio, se di questo si è trattato.

La telefonata, partita da una cabina telefonica di Lecce , precisamente nel quartiere ‘Santa Rosa’ risulta  quindi inattendibile, almeno per il momento. Perchè i Carabinieri non hanno rinunciato a setacciare tutta la periferia di Surbo e le ricerche continuano anche lì. La telefonata è stata secretata e fa parte degli atti dell’inchiesta.

Di Luca Greco e Massimiliano Marino, i due amici di Campi e San Donaci scomparsi da domenica, non c’è al momento alcuna notizia, ma le ricerche continuano e si sono avvalse per un pomeriggio intero anche dell’elicottero del nucleo dei Carabinieri in arrivo da Bari Palese e messo a disposizione dal Comando regionale.

Una vera e propria task force con circa 30 uomini coordinati  dal Comandante della Compagnia di Campi Nicola Fasciano e da quello della Compagnia di Francavilla Fontana Giuseppe Prudente, nel cui territorio ricade San Donaci, divisi per settori, assegnati ad ognuno. Cartine alle mano e foto segnaletiche su ogni pattuglia i militari hanno cominciato a setacciare palmo a palmo le campagne del nord Salento e i Comuni al confine tra la provincia di Lecce e quella di Brindisi, concentrandosi nelle  campagne tra Campi e Cellino, dal punto in cui è stata ritrovata mercoledì mattina la Lancia Lybra carbonizzata sulla quale i due si sono allontanati.

Intanto,  in Procura è stato aperto  un fascicolo per l’ipotesi di duplice omicidio che consente ai Carabinieri di svolgere ogni tipo di indagine.