I marò restano in Italia e l’India ‘sequestra’ il nostro Ambasciatore

Latorre e Girone

TARANTO –    La Corte Suprema indiana ha invitato l’Ambasciatore italiano a non lasciare il Paese, chiedendo a Daniele Mancini di fornire una spiegazione entro il 18 marzo sul caso dei due marò, Latorre e Girone, restati in Italia. Il massimo organo giudiziario di New Delhi  ha precisato che non è necessario che il diplomatico italiano si presenti di persona, ma sarà sufficiente che fornisca una memoria.