Lecce, rimontare si può

Antonio Toma

LECCE  –  Doppio appuntamento per il Lecce, oggi a Latina per il ritorno della semifinale di Coppa Italia di Lega Pro, domenica a Portogruaro per consolidare la vetta della classifica in attesa dei recuperi di Sud Tirol, impegnato stasera a Cuneo e Trapani.

Una doppia trasferta che ha anche un sapore diverso: quello odierno un appuntamento importante nel quale il Lecce farà il possibile per ribaltare la sconfitta dell’andata e fare bella figura, quello di domenica un match assolutamente da non fallire per allungare il vantaggio sulle dirette concorrenti e avvicinarsi all’obiettivo prioritario, la B.

Al ‘Francioni’ si prevede un ampio turn over con la presenza, però di 5-6 titolari e il ritorno di Memushaj nel ruolo di mediano. Squalificati De Rose e Zappacosta, con Giacomazzi e Bogliacino a riposo precauzionale, Chevanton,Vanin, Foti, Chiricò e Petrachi rimasti in sede, non si esclude l’esordio come esterno di difesa di Fatic e il ritorno in campo di Pià, assente dalla gara di Monza contro la Tritium.

Probabile 4-2-4, dunque, con Benassi tra i pali, Kalombo, Vinicius, Di Maio e Fatic in difesa, Memushaj e Tundo a centrocampo, Rosafio, Malcore, Bustamante e Pià in attacco. Si riparte dallo 0-2 dell’andata. La squadra di Toma per superare il turno, dovrà segnare almeno 3 gol.

Difficile ma non impossibile contro un Latina meno riposato, reduce dalla sconfitta contro Frosinone e dal pareggio con l’Andria e obbligata a risparmiare energie per la sfida col Perugia fondamentale per riprendersi la leadership del Girone B.

Da questa parte un Lecce in forma, rinvigorito dalla cinquina contro il Lumezzane e con elementi, anche tra i giovani, che possono fare la differenza. Vincere il Campionato per i giallorossi è praticamente un obbligo, volare in finale di Coppa no, ma è un dovere e i ragazzi lo sanno bene, provare a farlo.

Arbitrerà la sfida Sacchi di Macerata, calcio d’inizio alle 20.45.