I lavoratori ‘Lupiae’ occupano Palazzo Carafa: “Vogliamo certezze”

QuattroStelle

LECCE   –   Rischia di diventare una guerra fra poveri, perchè senza stipendio e senza percepire la cassa integrazione in modo puntuale, la disperazione prende il sopravvento e rischia di annebbiare tutto e non vale solo per i lavoratori della ‘Lupiae’.

Loro oggi, invece, hanno occupato simbolicamente l’Aula consiliare di Palazzo Carafa per chiedere certezze sul futuro della partecipata e, nell’immediato, il pagamento della mensilità.

Ai dipendenti, costretti a fare numerosi sacrifici, è stato comunicato che lo stipendio non verrà liquidato il 10 marzo, bensì un acconto di 500 € il 15 marzo e il saldo a fine mese.

Loro non ci stanno, perchè non ce la fanno più. Molti di loro hanno un mutuo da pagare, un affitto da saldare, una famiglia da mandare avanti e i pochi risparmi. “Abbiamo dato fondo a tutti i nostri risparmi, ora non sappiamo più a quale Santo votarci”, dicono dalla platea. Al di là dei banchi c’è l’Amministrazione e il management della partecipata. A loro viene chiesta chiarezza e anche sacrificio, se necessario.

L’Assessore con delega al Rapporto con le partecipate, Attilio Monosi, spiega che sono tempi difficili anche e soprattutto per le casse dell’Amministrazione comunale, Lecce come altre città d’Italia. Rimanda le responsabilità a Roma, al Governo centrale che attraverso una manovra ‘lacrime e sangue’, ha tolto ossigeno agli enti periferici che oggi sono senza anche loro senza soldi. Per questo nei prossimi giorni il Sindaco annuncerà una soluzione. “Tutti, dirigenti, super manager, Consiglieri e Assessori, saranno chiamati a fare un sacrificio”, annuncia Monosi.

Nel frattempo gli Uffici Ragioneria del Comune di Lecce stanno lavorando per trovare una soluzione-tampone per pagare la mensilità ai lavoratori ‘Lupiae’ che, se non avranno risposte certe, annunciano di continuare ad oltranza l’occupazione di Palazzo Carafa.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*