False pratiche partite dalle Poste? Decide il Giudice

poste italiane

LECCE  –  Arriva davanti al GUP Cosimo Panzera, la vicenda relativa alle false pratiche di finanziamento che una dipendente che ha già ricevuto lettera di licenziamento, Patrizia Rollo, avrebbe acceso con documentazione falsa presentata dai clienti.

La donna è già imputata per falso ed appropriazione indebita.

Ma un’altra indagine è stata avviata dalla Procura nei confronti dell’allora Direttore Antonio Matrone accusato, invece, di abuso d’incapace sulla scorta di una querela della Rollo che avrebbe denunciato che prima di essere licenziata, avrebbe inviato alla dirigenza delle Poste per chiarire le modalità amministrative delle pratiche sospette, delle lettere che sarebbero state veicolate da Matrone, in un momento di incapacità psichica della donna.

La Procura ha chiesto l’archiviazione sostenendo che lo stato depressivo della ex dipendente non avrebbe compromesso la sua capacità di intendere e di volere. Lei si è opposta chiedendo di essere ascoltata. La parola spetta al GIP che deciderà nei prossimi giorni.