Furto in gioielleria, il vigilante spara: 2 arresti

arnesi atti allo scasso nel bagagliaio

TALSANO (TA)  –  Svaligiano la gioielleria ma non la fanno franca, nonostante riescano a sfuggire ad un vigilante che, intervenuto tempestivamente, tenta di bloccare i due malviventi. È successo sabato notte a Talsano, nel tarantino, in Corso Vittorio Emanuele.

Dopo aver creato un foro nella parete del locale, i complici hanno fatto irruzione nella gioielleria riuscendo a mettere le mani su monili, orologi e pezzi d’argenteria.

Il piano, perfetto sulla carta, non lo è stato però, una volta realizzato. Il sistema d’allarme, collegato ad un Istituto di vigilanza, è scattato nonostante il tentativo di manomissione, facendo intervenire sul posto una guardia giurata.

Colti con le mani nel sacco, i due banditi si sono scagliati contro il vigilante. Non hanno esitato a lanciargli addosso una scatola, la stessa all’interno alla quale avevano messo la refurtiva. Poi la fuga, nonostante un colpo di pistola esploso dalla stessa guardia giurata.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri che hanno immediatamente avviato le indagini, con successo.

Due persone sono state arrestate. Un ragazzo di 21 anni, Antonio Conti, volto già noto alle forze dell’ordine e Carmela D’Aprile, 49, entrambi di Pulsano. Entrambi rispondono di rapina in concorso.

La donna è stata rintracciata in un’auto non lontano dalla gioielleria. Probabilmente era rimasta a fare da palo. E nel bagagliaio vi erano diversi arnesi atti allo scasso.

Il ragazzo, invece, è stato sorpreso mentre cercava di rientrare a piedi nella propria abitazione. Ha tentato di nascondere la ferita da arma da fuoco all’addome, ma invano. Per questo è stato trasportato al ‘Santissima Annunziata’.

Sono in corso ulteriori indagini dei Carabinieri della Compagnia di Taranto e del Reparto Operativo che, nelle scorse ore, hanno eseguito numerose perquisizioni tese ad identificare il terzo complice sfuggito alla cattura.