Falsi braccianti? L’INPS chiede 123.000 € di risarcimento

INPS - Lecce

LECCE  –   Presunti falsi braccianti arrivano davanti al GUP Vincenzo Brancato. L’accusa ipotizzata è di truffa ai danni dell’Inps. Dal 2003 al 2008 sarebbero risultati alle dipendenze dell’Azienda agricola di Antonio Conte, 65 anni, di Morciano.

Ma le giornate di lavoro in agricoltura non sarebbero mai state effettuate.

E così sarebbe stata tratta in inganno l’INPS che ha erogato prestazioni previdenziali. Nell’udienza, che si terrà il prossimo 4 aprile, l’INPS con l’Avvocato Giuseppe Maggio intende costituirsi parte civile con una richiesta di risarcimento pari a quasi 123.000 €.

Commenti

  1. roberta scrive:

    chissa’ quanta gente si spaccia x falso bracciante e non sa nemmeno come e’ l’odore della terra ,e’ poi chi la lavora veramente non riconoscono i giusti indenizzi!!!!