Ilva, sindacati: “Richiesta esagerata”

Ilva

TARANTO   –   Il piano  ‘lacrime  e sangue’  presentato  dell’Ilva scatena  le dichiarazioni dei sindacati metalmeccanici. I numeri  impressionanti  della richiesta di cassa integrazione  illustrati dal siderurgico  hanno portato quasi tutti a parlare di  cifre  esagerate.

E d’altronde  non  poteva essere diversamente, considerato che l’azienda  per risanare gli impianti vorrebbe  tenere a casa   oltre  la metà del  personale  per la bellezza di 2 anni.

Ma la partita è ancora aperta, dal momento che il confronto tra sindacati,  azienda e  tecnici del Ministero del   Lavoro  sugli ammortizzatori sociali  si  terrà nelle prossime ore a Roma.